-10

Fra dieci giorni torno bipede.

Mi toglieranno il gesso, e potrò finalmente vantare il quadricipite femorale sinistro dei sogni, di diametro pari a quello di Roberto Carlos. A fronte della gambetta destra di un bambino poliomelitico.

Sarò praticamente Rafael Nadal montato al contrario.

photo

 

In questo piacevole mese di carrozzina, ho scoperto che – almeno a Como e Torino – si sono fatti passi da gigante per risolvere l’annoso problema delle barriere architettoniche. E che quei pochi monumenti che ostacolano il cammino possono essere superati grazie all’aiuto degli amici.

Pertanto accettate questo piccolo, zoppo consiglio: almeno fino al perfezionamento della macchina del teletrasporto, teneteveli buoni, che senza di loro non si va da nessuna parte.

rat-man barriera architettonica

E visto che questo blog doveva essere in teoria un luogo ispirato da una certa qual vocazione informativa, vi segnalo il blog  di Fabrizio Marta alias Rotex, affetto da osteogenesi imperfetta ma soprattutto Cavaliere della Repubblica al merito (pensare che abbia condiviso questo titolo onorifico con un altro, ben più famoso “Cav” fa accapponare la pelle) per aver contribuito alla divulgazione dei diritti dei disabili e al turismo accessibile.

La photogallery di viaggi a due ruote sul suo sito è di una leggerezza rara, soave e bellissima.

In questo momento sta rotellando in Finlandia, e a lui va il mio pensiero.

Buon ferragosto a tutti!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *