Cosa accade quando finiscono i selfie

L’altra sera  ho visitato il cimitero degli elefanti del narcisismo, un luogo che fa delle due pestilenziali epidemie del nuovo millennio – l’autoscatto  e il food selfie – la propria ragion d’essere. L’altra sera sono stato alla Cena in Bianco, e ne sono uscito con le ossa rotte. Vivo, ma con le ossa rotte. Di cosa si tratta in linea teorica lo spiegano gli…

Continue Reading

Una cosa divertente che rifarò

Quest’anno sono stato per la prima volta al Carnevale di Ivrea (per chi non sa cosa si tratti, rimando a questa splendida puntata di Pif che mi ha caricato a molla la settimana prima di andare). E’ stata forse l’esperienza più bella della mia vita – e chi mi conosce sa della mia scarsissima propensione all’iperbole… … Diciamo che in…

Continue Reading

-10

Fra dieci giorni torno bipede. Mi toglieranno il gesso, e potrò finalmente vantare il quadricipite femorale sinistro dei sogni, di diametro pari a quello di Roberto Carlos. A fronte della gambetta destra di un bambino poliomelitico. Sarò praticamente Rafael Nadal montato al contrario.   In questo piacevole mese di carrozzina, ho scoperto che – almeno a Como e Torino – si sono fatti…

Continue Reading

Rischiare la vita per una pacca sulla spalla – e spesso neanche quella.

Leggo questo pezzo segnalatomi da @gianlucamezzo e mi commuovo. Mi commuovo per Francesca Borri, corrispondente di guerra, freelance. Mi commuovo per lei, e per tutti i paria di una professione ingrata, che si prendono le pallottole sulle ginocchia al fronte per sentirsi dire “va bene, lo pubblico, ma non a nome tuo. A nome del mio corrispondente con contratto regolare.” Che,…

Continue Reading

A caccia di onde sulla costa del Marocco

Si può combattere lo stress da ufficio e il grigio umore da catene antineve prenotando un volo low-cost per il Marocco. Una volta lì, la certezza è una: la macchina in affitto che servirà per trasportare delle tavole da surf su e giù per la costa. E un volo di ritorno, prenotato da Marrakech. Il programma, quello mai scritto, prevede…

Continue Reading

Tre anni in tour con Lemmy dei Motörhead, e uscirne vivo.

“Se lanciassero una bomba nucleare, si salverebbero solo gli scarafaggi. E Lemmy.” C’è un fotografo di nome Pep Bonet che ha passato più di tre anni in tour con la folle band dei Motörhead, ne è uscito vivo ed ha pubblicato uno splendido book fotografico dal nome eloquente di Röadkill. Se siete appassionati di fotografia, in particolare di quella che racconta di dettagli,…

Continue Reading

Il presepe vivente di Sutera: ricotta fresca, cultura e pastori

Nel bel mezzo della brulla e aspra Sicilia, fra colline verdi come campi irlandesi, mandorli in fiori e severi panorami rocciosi, si erge dal nulla una rocca. Elegante. Sul picco del monte, un santuario domina quello che la gente di qui chiama ‘lu vallone’: un crocevia di saliscendi dove, nei secoli, si sono scontrate e amalgamate le culture greca, romana,…

Continue Reading

Nuestra Señora de La Paz è proprio così.

La Paz è una dannata bolgia dantesca. Immaginatevi l’inferno così come ci hanno insegnato a pensarlo: ripido, affollato, brulicante di miseria. Nuestra Señora de La Paz è proprio così. Catene montuose alte e imponenti la torreggiano innevate. Giù in città le strade si intersecano caotiche tra i grandi palazzoni di cemento, e non c’è un crocicchio in cui non si…

Continue Reading

In festa nello sperduto Perù delle Ande

Una piccola comunità a 3400 metri d’altezza. Che non dimentica gli orrori della guerra. Ma sa divertirsi con una gara tra porcellini d’India. Il mio reportage per OggiViaggi. Alcuni lo chiamano turismo responsabile. Altri, anticonformismo a tutti i costi. Una sola è la certezza: abbattere le barriere tra viaggiatore, viaggio e ‘viaggiato’ non solo è possibile, ma anche relativamente facile.…

Continue Reading

La Selva, un machete e una miniera

I miei reportage dal Sud America alla fine sono pubblicati su OggiViaggi, come… questo qui sul viaggio in Amazzonia (la foto mostra l’antropologo David Serra, evidentemente calatosi troppo nei panni del selvaggio avventuriero)….   oppure questo qui, sui dannati delle miniere di Potosì. A seguire, La Paz, Arequipa, Medellin, Cusco e molto altro (o forse no). Alla fine sì, ho trovato qualcuno che…

Continue Reading