Il caso Le Monde Diplomatique. Giornalismo di qualità, fiducia dei lettori, conti in attivo: “dalla difensiva, alla conquista”

Il giornalismo di qualità premia? Forse sì. Si intitola “Chiamare un vittoria col suo nome” l’articolo in cui lo storico mensile di inchieste geopolitiche, Le Monde Diplomatique, annuncia di essere in attivo e in buona salute. Alla faccia della crisi, scoppiata drammatica otto anni fa. Tutto questo grazie alla fiducia dei suoi lettori, non alla pubblicità, i cui introiti sono…

Continue Reading

Sulle #scuoledigiornalismo

In merito al dibattito in corso sulle assunzioni RAI: Nn solo x Servizio pubblico il merito dovrebbe essere il percorso preferenziale http://t.co/2TI3ONu90V @valigiablu no a #scuoledigiornalismo — Lillo Montalto (@lillomontalto) August 12, 2013 Chiarisco un poco meglio il mio pensiero, che Twitter mi sta davvero troppo stretto: sì alle #scuoledigiornalismo, no alle corsie preferenziali. Una scuola è per definizione un luogo…

Continue Reading

Il nuovo giornalismo sportivo: cambio di modello e disintermediazione.

Come scritto nel bellissimo articolo di Poynter citato nel liveblog (e qui traduco a braccio), “una delle più grandi sfide che i media si trovano ad affrontare oggi è quella di capire il perchè del successo passato, e replicarlo in nuove modalità. In generale, il giornalista (e il ‘giornale’ per cui lavora) si vedono come ambasciatori esclusivi della notizia, difensori della democrazia – cosa…

Continue Reading

Il liveblogging dell’ebook sul liveblogging

Come sintetizza bene questo tweet: Il liveblogging dell’ebook sul liveblogging di @lillomontalto, che sta per uscire: http://t.co/lllchSE2QK — David Mammano (@mammanodavid) July 13, 2013 apro oggi una sezione del sito dedicata all’affascinante (sì, proprio così) mondo del giornalismo real-time. La apro (quasi) in coincidenza con l’uscita in Italia del primo saggio sul ‘bello della diretta’ da me scritto e pubblicato…

Continue Reading

Sullo sfogo di Francesca Borri

** Per chi volesse farsi un’idea del dibattito in corso sull’articolo da me pubblicato qualche giorno fa, rimando a questo interessantissimo pezzo sul blog collettivo Valigia Blu di Arianna Ciccone. Allora, furono le mie considerazioni a caldo. Al di là di ogni sensazionalismo – di cui sono caduto vittima pure io. Quel che resta, oltre l’opportunità di rischiare la vita per…

Continue Reading

Rischiare la vita per una pacca sulla spalla – e spesso neanche quella.

Leggo questo pezzo segnalatomi da @gianlucamezzo e mi commuovo. Mi commuovo per Francesca Borri, corrispondente di guerra, freelance. Mi commuovo per lei, e per tutti i paria di una professione ingrata, che si prendono le pallottole sulle ginocchia al fronte per sentirsi dire “va bene, lo pubblico, ma non a nome tuo. A nome del mio corrispondente con contratto regolare.” Che,…

Continue Reading

Il giornalismo è vivo. Ma è iperlocale, e mobile.

Uno dei temi più discussi al recente Festival Internazionale del Giornalismo – e, immagino, in ogni consesso umano che raduni più di due giornalisti o editori nella stessa stanza – è stato ovviamente ‘la sopravvivenza’ dell’intero settore, di fronte alla minaccia Internet, o di altre morbide apocalissi future. La crisi dei grandi pachidermi editoriali c’è, e nonostante tanti auto-elogi ed…

Continue Reading

Il liveblog della morte della Thatcher

Come ha suggerito Jon Snow di Channel 4, TV News audiences which dipped with Thatcher coverage, begin to recover as they lead on other matters — Jon Snow (@jonsnowC4) April 10, 2013 l’audience dei canali televisivi è iniziata a risalire quando si è cessato di dare continui aggiornamenti sul corpo morto della Thatcher. Per grottesco che possa sembrare, tuttavia, principe…

Continue Reading

C’era una volta il live blog. È l’ora della condivisione dei contenuti ‘real-time’

Il giornalismo ‘in tempo reale’ evolve ad una velocità impressionante, e ciò che qualche mese fa era considerato il futuro, oggi è solo il punto di partenza dell’ennesima innovazione. Qualche anno fa il termine blogging era sulla cresta dell’onda, cavalcato dall’Huffington Post. Poi venne la terribile ‘diretta Twitter’, e l’idea che mettere in pagina un widget (operazione peraltro replicabile da qualsiasi blogger di paese) ci…

Continue Reading