Innovazione e partecipazione in scala iperlocale: la lezione inglese.

Avevo già parlato in passato del buon stato del giornalismo iperlocale – almeno nel Regno Unito. Riferendosi al contesto britannico, una ricerca della fondazione NESTA (National Endowment for Science, Technology and the Arts) aveva infatti evidenziato come  il consumo di informazione iperlocale fosse cresciuto in maniera esponenziale,  sistematica e capillare soprattutto grazie alla diffusione degli smartphones. Rieccoci dunque a parlare di NESTA. La charity inglese si occupa,…

Continue Reading

Cosa è successo oggi, spiegato ad una canadese.

La mia capa canadese, un po’ perplessa, mi ha chiesto cosa diavolo è successo in senato, oggi. Le ho risposto così. Basically Berlusconi threatened to bring down the government, the PM saw his bluff, he called for a vote of no-confidence, Berlusconi folded. In the meantime, all markets panicked and we lost billions. Just another ordinary day in Italian politics. Berlusconi…

Continue Reading

Qualsiasi cosa vibri sul tuo iPhone, ha meno valore del contatto visivo con la persona che ti parla

Ho appena comprato questo libro:   A partire da link sul filosofo e sociologo Zygmunt Bauman segnalatomi dalla sempre ottima Virginia Fiume: Se interessa #realtimejourno vale la pena sentire l’opinione di Zygmunt Bauman. 9 ottobre a milano http://t.co/4JJMvpd1Ku cc @lillomontalto — Virginia Fiume (@GillaFiume) September 26, 2013 Douglas Rushkoff, l’autore del libro, riflette – a quanto pare in maniera molto…

Continue Reading

Un corto di 17 minuti girato interamente sul desktop di un adolescente

Un piccolo gioiello, Noah, il corto che ha debuttato al Toronto International Film Festival: parla di multitasking e rapporti virtuali, solitudini digitali e attention span ridotti. Creato dagli studenti di cinema canadesi  Walter Woodman e Patrick Cederberg, Grazie a Michael De Monte per la segnalazione.

L’altra faccia dei media Spagna: Neupic, newswire fotografico #realtime

Uno degli incontri giornalisticamente (e umanamente) più interessanti di questa mia piccola gira spagnola è sicuramente l’agenzia fotografica di citizen journalism Neupic, conosciuta oggi a Madrid. Seguendo un po’ le orme di Demotix, creatura inglese del poliglotta visionario Turi Munthe, due fratelli madrileni – Bosco e Alfonso Ussía – e alcuni collaboratori hanno messo assieme una piattaforma che permette a oltre un migliaio di…

Continue Reading

Appunti su ebook e online publishing prima di #digitfi13

In attesa di parlare al #DigitFI13, queste alcune delle letture più interessanti effettuate tra treno, aereo e fermate del bus negli ultimi giorni. Grazie a tutti coloro che me le hanno segnalate. L’argomento del panel è Libri da web, idee analogico-digitali per indirizzare viandanti distratti. Assieme ad altri ospiti ben più qualificati del sottoscritto, parlerò di libri digitali, e del mio Real-time…

Continue Reading

Sulle #scuoledigiornalismo

In merito al dibattito in corso sulle assunzioni RAI: Nn solo x Servizio pubblico il merito dovrebbe essere il percorso preferenziale http://t.co/2TI3ONu90V @valigiablu no a #scuoledigiornalismo — Lillo Montalto (@lillomontalto) August 12, 2013 Chiarisco un poco meglio il mio pensiero, che Twitter mi sta davvero troppo stretto: sì alle #scuoledigiornalismo, no alle corsie preferenziali. Una scuola è per definizione un luogo…

Continue Reading

Il nuovo giornalismo sportivo: cambio di modello e disintermediazione.

Come scritto nel bellissimo articolo di Poynter citato nel liveblog (e qui traduco a braccio), “una delle più grandi sfide che i media si trovano ad affrontare oggi è quella di capire il perchè del successo passato, e replicarlo in nuove modalità. In generale, il giornalista (e il ‘giornale’ per cui lavora) si vedono come ambasciatori esclusivi della notizia, difensori della democrazia – cosa…

Continue Reading

Essere start-up in Italia

Molto bella questa riflessione comune sul Tumblr di Luca Alagna. Qualche suggerimento sulle persone giuste da assumere, capaci di essere creativi – con stile e pazienza – nonostante l’ambiente di lavoro totalmente volatile, agile, fin troppo, quasi al punto di essere vago, incomprensibile, intangibile. Ma sempre e comunque affascinante perchè in moto costante. Product thinking: Typically media startups have been…

Continue Reading